Area
riservata

ALBO GESTORI AMBIENTALI: REQUISITO MORALE E REATO CONTINUATO


Immagine3

Con la Circolare n. 4 del 7 marzo 2019, il Comitato Nazionale dell’Albo Gestori Ambientali ha chiarito come deve essere valutato il requisito morale del candidato all’iscrizione. In particolare, l’art. 10 del D.M. 120/2014, il Regolamento dell’Albo Gestori, espressamente richiede che per l’iscrizione occorre che il titolare o legale rappresentante dell’impresa non sia stato condannato alla pena detentiva per reati previsti dalle norme a tutela dell’ambiente, incluse le norme a tutela della salute, le norme in materia edilizia e in materia urbanistica, e che non sia stato condannato alla reclusione per un tempo superiore ad un anno per delitti non colposi.

Sulla questione, il Comitato ha voluto chiarire cosa fare in caso di condanne per lo stesso reato, in tempi diversi, con pene – per ogni condanna – pari o inferiori ad un anno di reclusione. Infatti, se è stata applicata la disciplina del reato continuato (art. 671 c.p.p. e art. 81 c.p.) le pene, unificate dal vincolo della continuazione, possono superare il limite di un anno: in quel caso, secondo il Comitato Nazionale dell’Albo, la pena dovrà essere “valutata unitariamente anche ai fini della eventuale perdita del requisito morale“.

Quindi il soggetto pluricondannato con pene inferiori a un anno di reclusione, poi unificate in sede esecutiva con conseguente superamento del limite di un anno, perde il requisito morale richiesto per l’iscrizione all’Albo gestori.

Secondo il Comitato nazionale, in tale ipotesi la pena va valutata unitariamente anche ai fini della eventuale perdita del requisito morale richiesto per l’iscrizione all’Albo gestori: se da un lato infatti la previsione del reato continuato comporta conseguenze favorevoli al reo in termini di durata complessiva della pena, lo stesso deve adeguatamente considerare anche le conseguenze sfavorevoli.

 

Filippo Grifoni

Dottore in Economia e Commercio

Elena Ramaldi

Dottoressa in Geologia

Lisa Berretti

Dottoressa in Scienze Forestali e Ambientali

Cristina Pini

Dottoressa in Lettere e Filosofia

Tommaso Sgaragli

Dottore in Ingegneria Ambientale

Roberta Boncinelli

Dottoressa in Giurisprudenza

Gianluca Pansini

Dottore in Geologia

Paolo Campinoti

Dottore in Ingegneria Elettronica

Stefano Maci

Dottore in Scienze Ambientali

Duccio Feri

Dottore in Ingegneria Ambientale

Valerio Toninelli

Dottore in Ingegneria Ambientale

Luca Tofani

Geometra

Massimo Rolla

Dottore in Chimica

Silvia Gherardini

Dottoressa in Ing. Chimico Ambientale

Jonathan Rosenfeld

Disegnatore CAD

Giovanni Fabbri

Dottore in Fisica

Scorri a sinistra Scorri a destra

Professionisti
specializzati

Le competenze integrate dei nostri tecnici garantiscono sempre la scelta delle soluzioni migliori ed economicamente più convenienti per le aziende.